Your browser does not support JavaScript!
Home > In evidenza  >  2018  >  Alimentaria 2018 - Oggi parliamo delle aziende agricole: Perconti, San Leo e Fierli

Alimentaria 2018 - Oggi parliamo delle aziende agricole: Perconti, San Leo e Fierli

Dalla Toscana alla Calabria passando per l'Abruzzo, i nostri
Talenti hanno in comune l'amore per la terra tramandato di generazione in
generazione e la passione per un'agricoltura sempre più professionale e
specializzata.
Azienda agricola Perconti 
Avviata intorno alla fine dell '800 e attiva da quattro generazioni, l'Azienda Agricola Perconti è guidata dai due giovani imprenditori Vincenzo e Francesco Cori, insediatisi in agricoltura nel 2010, che con la loro passione per il territorio e l'innovazione di cui lo spirito giovane è sempre portatore, si posizionano sul mercato enogastronomico nazionale e internazionale con prodotti quali il Vino Cotto e l'Olio Extravergine di Oliva. La passione e l'esperienza, tramandata di generazione in generazione, per l'agricoltura e la viticoltura, ha spinto i F.lli Cori a rilevare la vecchia azienda di famiglia attraverso un progetto innovativo, volto alla valorizzazione dei propri prodotti e alla riscoperta del territorio abruzzese. La società agricola "Perconti" è costituita da 28 ettari di terreno, ubicati nel Comune di Cellino Attanasio, un piccolo paese di 2.500 abitanti in Provincia di Teramo, posto sullo spartiacque tra la valle del Vomano e la Valle del Piomba, ad un'altitudine di circa 430 metri sul livello del mare. 

  

 
 

 Azienda agrituristica San Leo
L'azienda agrituristica San Leo si sviluppa nel cuore dell'area Grecanica, all'interno del Parco dell'Aspromonte in provincia di Reggio Calabria, ed offre una notevole varietà di prodotti naturali, coltivati nel rispetto della natura, dell'ambiente e del consumatore. Frutta e ortaggi di stagione: ciliegie, pere, pomodori, insalate varie, fagiolini, marmellate, insaccati e salumi. Tra i prodotti di punta, le conserve e il miele marchio "Melizia" (di castagno, di eucalipto e di Millefiori) e i biscotti "Melodie", rigorosamente di produzione biologica.  La superficie complessiva investita a frutteto ammonta a 7 ha. L'Azienda alleva anche un notevole numero di capi di suini della razza "Large white per Landrace per nero di Calabria" che vengono alimentati con gli scarti della produzione di ortaggi e frutta e in conseguenza di cio' le loro carni risultano particolarmente saporite e di alta qualità. La trasformazione avviene nel laboratorio aziendale così come la stagionatura. La lavorazione segue rigorosamente le tecniche tradizionali, senza aggiunta di conservanti. Vengono impiegati esclusivamente: carne, sale, aromi naturali locali quali il peperoncino ed il finocchietto selvatico. Per completare il processo naturale di conservazione si fa ricorso alla tecnica dell'affumicatura. Da questo processo si ottiene tra l'altro, il famoso capicollo "azze anca" grecanico, che si pregia del presidio "Slow Food", uno dei 180 presidi presenti a livello nazionale.  

Azienda agricola Fierli
La società agricola Fierli nasce dalla volontà di due cugini (Nicola e Francesco), nel trasformare in qualcosa di innovativo la piccola realtà imprenditoriale nata nel primo dopoguerra dalle mani del bisnonno Fierli Zelindo. In quanto aveva la necessità svincolarsi dallo status di mezzadro. Comprando un piccolo podere con alcuni capi bovini di razza Chianina. Nel 2012 nasce la società agricola Fierli, viene messo in atto un percorso di cessione di azienda che si è concluso nel 2014, cercando nel frattempo di ampliare e migliorare le strutture preesistenti in azienda, concentrandosi fortemente  sulla trasformazione delle carni, progettando un sistema attraverso il quale l'azienda  riesce a chiudere l'intera filiera nel giro di 10 km partendo dal campo fino ad arrivare alla tavola del consumatore. Tutto ciò è stato possibile sfruttando il concetto di multifunzionalità dell'azienda infatti, cercando di ricoprire il maggior numero di attori all'interno della filiera.  

Volete essere aggiornati su tutte le novità riservate all'imprenditorialità Giovanile in Agricoltura?